<div class='autore'>Gavino Gabriel, Giuseppe Prezzolini, Lara Sonja Uras<BR></div>, Carteggio 1908-1977
Gavino Gabriel, Giuseppe Prezzolini, Lara Sonja Uras
Carteggio 1908-1977

a cura di Lara Sonja Uras

edizione: Lucca, LIM, 2010 (Akademos)
pagine: LIII + 182
formato: 17 x 24 - brossura
ISBN: 9788870964929
lingua: Italiano
versione pdf:


Esaurito Avvisami quando sarà disponibile la ristampa.  
Il tuo carrello è vuoto

Il nome del sardo Gavino Gabriel (1881-1980) brilla per assenza perfino nei dizionari musicali più accreditati, che, secondo una prassi ben nota, isolano impietosamente le punte emergenti dell´iceberg o trovano difficoltà a inserire gli outsider.
E invece, come sappiamo, ogni ricostruzione storica è tanto più attendibile quanto meno aprioristicamente selettiva. Per rendersi conto che almeno ai suoi tempi il nostro era “qualcuno", bisogna ricorrere ai vecchi repertorii, come per esempio il Dizionario dei musicisti (1928) di Alberto De Angelis, dove troviamo una breve, ma documentata scheda, anche se posta in Appendice, fra le “Aggiunte e rettifiche”.
Qui apprendiamo alcune notizie di lavori effettivamente realizzati (conferenze sul folclore musicale sardo), che l´artista fu rappresentante per l´Italia del periodico «The Musical Digest» di New York, autore de La Jura (eseguita al pianoforte la prima volta in alcune audizioni private a Torino: per merito di Luigi Perrachio alla Sala Ferraria) e della Sera di vendemmia (coreografia in costume sardo con danze di bambini e commento musicale di una Suite gallurese per quartetto d´archi, data alla Sala Azzurra di Milano nel 1923).
Alcuni progetti annunciati nella "voce" (datata, si è visto 1928) non risultano essere stati portati a termine, mentre altri, successivi, non sono ovviamente attestati.
Se oggi il nostro personaggio non è più Carneade e riaffiora dall´ombra in cui era stato ingiustamente abbandonato, il merito va tutto a Lara Sonja Uras, che, stringendolo d´assedio attraverso ricerche minuziose e mirate, ha reperito una copiosa documentazione in alcuni importanti Archivi (di Prezzolini a Lugano, di Giuseppe Sotgiu a Tempio Pausania e presso l´Archivio Contemporaneo "A. Bonsanti" del Gabinetto G.P. Vieusseux di Firenze), da cui emerge a tutto tondo la poliedrica attività e il carattere altrettanto speciale del nostro.
Questo volume, omogeneo e metodologicamente ben curato, si compone per lo più delle lettere scritte da Gabriel a Prezzolini, che allo stato attuale sono le più numerose (resta a tutt´oggi inspiegabile la scarsa presenza o il mancato ritrovamento delle risposte del destinatario, che è difficile pensare non furono scritte).


 Il tuo carrello è vuoto
Premi sul pulsante
AGGIUNGI AL CARRELLO
per aggiungere prodotti al tuo carrello