<div class='autore'>Francesco Bussi<BR></div>, Brahms dopo Brahms
Francesco Bussi
Brahms dopo Brahms
Tracce panoramiche di una discendenza e di un´eredità
edizione: Lucca, LIM, 2010 (Biblioteca Musicale Lim - Saggi)
pagine: 132
formato: 14 x 21 - brossura
ISBN: 9788870965599
lingua: Italiano
versione pdf:


euro 15
 
Il tuo carrello è vuoto

Entro il vasto alveo della letteratura dedicata a Brahms, quanti vi hanno contribuito, dai meri biografi ai più disparati esegeti, hanno rimarcato in genere, più o meno diffusamente, il peso, l´entità, la portata della sua ´eredità´, di quanto cioè egli abbia proiettato la sua ombra su tutta una serie di seguaci, di proseliti, di imitatori e simili, già lungo l´Ottocento e oltre, nel continente europeo e oltre.
Non manca chi, pur in minoranza, nega o sminuisce pretestuosamente, pur con una parte di veridicità, tale ´influenza´ (termine abusato) come tale bandito dal presente lavoro), disconoscendo a Brahms la funzione di profeta di una nuova era, di istitutore di un nuovo corso, attribuendola invece ai notori, eminenti oppositori di Brahms e del ´brahmsismo´, Liszt e Wagner, esponenti di assoluto spicco della Neue deutsche Schule, sorta nel 1859, aperta alla Zukunft, quindi fonte e alimento d´ispirazione per le giovani generazioni di compositori. Ma la maggioranza degli studiosi intenti a Brahms convennero o con­vengono sulla sua rilevanza di modello ineludibile per la schiera di continuatori più o meno sostanziali che non gli si sottrassero, a cominciare ovviamente dalla Mitteleuropa - Germania e Austria in primis - e a cominciare pure dal ricalco dei tratti più vistosi e rimarchevoli del suo lin­guaggio, sorta di punto nodale da cui si dipartono plurime ramificazioni. (...)


 Il tuo carrello è vuoto
Premi sul pulsante
AGGIUNGI AL CARRELLO
per aggiungere prodotti al tuo carrello